a piè di pagina


Kipling – La luce che si spense –
aprile 30, 2010, 12:54 pm
Filed under: babele

Siamo molto contenti del rinnovato interesse su Kipling degli ultimi anni. Molti sono stati gli sforzi accademici che hanno portato a questa “riscoperta”, sforzi che hanno ritrovato un eco editoriale. Forse tutto è partico da Ottavio Fatica e dall’impegno di Adelphi. Interessante è lo sviluppo di questo nuovo trend e l’impegno dei piccoli editori. Segnaliamo di seguito direttamente dal sito della casa editrice Galaas Edizioni (trad. Franco De Poli). Nel nostro piccolo contribuiremo a questo sviluppo con un LABORATORIO APPLICATIVO SULL’INGLESE di Kipling e le sue traduzioni in Italia.

Dick Heldar è un pittore. Durante la Guerra in Sudan del 1890 una grave ferita agli occhi lo costringe a far ritorno in Inghilterra, dove decide di mantenersi con la sua arte. I suoi dipinti realistici, raffiguranti scene di guerra in Sudan, conquistano a poco a poco una certa popolarità e il giovane artista è costretto, per sbarcare il lunario, a soggiacere ai gusti del pubblico, realizzando una serie di opere commerciali. Dopo qualche tempo, però, la ferita agli occhi comincia a peggiorare: Dick Heldar si rende conto che sta per diventare cieco. Decide allora di dipingere il suo capolavoro, La Malinconia che trascende ogni intelletto, utilizzando come modella la prostituta Bessie. Per lenire il dolore Dick inizia a ubriacarsi e tormenta la donna per costringerla ad assumere le pose e le espressioni che desidera. Dick porta a termine l’opera e perde la vista per sempre; ma per vendicarsi dei maltrattamenti subiti, Bessie distrugge il dipinto imbrattando la tela. Quando il pittore invita a casa sua Maisie, una giovane donna alla quale era affezionatissimo da bambino, per mostrarle il suo capolavoro, la ragazza non avrà la forza di dirgli che l’opera è rovinata per sempre. Sopraffatto dalla disperazione, il giovane torna in Sudan, in cerca di un impossibile riscatto. Pubblicato nel 1891, La luce che si spense è il primo romanzo di Kipling, quello dove più che in ogni altro emerge il vissuto dello scrittore e trovano espressione le paure e le speranze più intime e personali. L’angoscia di Dick Heldar riflette l’angoscia dello stesso Kipling, che da ragazzo fu sul punto di perdere la vista: un’esperienza che lo segnò per il resto della vita e che non riuscì mai a superare del tutto.


Lascia un commento so far
Lascia un commento



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger cliccano Mi Piace per questo: