a piè di pagina


Hillary Clinton e la traduzione russa
marzo 9, 2009, 8:39 am
Filed under: babele

hillary03La notizia non è certo dell’ultima ora, ma mi sembra utile almeno un post. Durante l’ultimo confronto Usa-Russia, con la nuova amministrazione Obama rapresentata dalla Clinton si è vista una piccola gaffe linguistica, errore di traduzione. Dopo l’invasione russa della Georgia e dopo la sostanziale inefficacia dell’intervento di George W. questo incontro sulla smilitarizzazione doveva essere una vero e proprio “reset” dei rapporto translatlantici. Diciamo un incontro simbolo per ricominciare a redistribuire i pesi politici. Lavrov e Clinton in funzione di Medvedev/Putin  e Obama. La cosa ha funzionato compreso il piccolo siparietto sulla parola RESET.

The word the Americans chose, “peregruzka“, meant “overloaded” or “overcharged”, rather than “reset“.As reporters watched, the US secretary of state assured her Russian opposite number her staff had “worked hard” to ensure it was accurate. “Was it right?” she inquired with a smile.

You got it wrong,” Mr Lavrov responded, also smiling, before pointing out the mistake.

Despite the embarrassment, the two made light of the moment in front of the cameras and pushed the button together to signify a shared hope for better relations.At a joint news conference after two hours of talks, both joked about the error. “We reached an agreement on how ‘reset’ is spelled in both Russian and English – we have no differences between us any more,” Mr Lavrov said through an interpreter. Mrs Clinton put it this way: “The minister corrected our word choice. But in a way, the word that was on the button turns out to be also true. “We are resetting, and because we are resetting, the minister and I have an ‘overload’ of work.” The gift was a light-hearted reference to US Vice-President Joe Biden’s recent remark that the new US administration wanted to reset ties with Russia after years of friction.(BBC NEWS)


2 commenti so far
Lascia un commento

Tra l’altro la parola incriminata è stata traslitterata in alfabeto latino e non scritta con i caratteri cirillici: una scenetta ideata a uso e consumo esclusivamente dei media occidentali e di un pubblico che si presume ignori l’esistenza di altri alfabeti?

Commento di Licia

sono convinto che il tutto sia un bello spettacolino di marketing politico-linguistico. Le parole, si sa, sono potere.🙂

Commento di langueparole




Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger cliccano Mi Piace per questo: