a piè di pagina


Tradurre Shakespeare
febbraio 23, 2009, 1:40 pm
Filed under: en traduisant

7326f4fa6d204108496873674857e344Luca Fontana, traduttore e saggista, ha scritto per il Saggiatore un manuale di traduzione “per restituire i testi di William Shakespeare alla scena teatrale, alla voce dell’attore e all’orecchio dello spettatore. Tre plays per sentirne il gusto: Doglie d’amor sprecate, Amleto, Troilo e Cressida”.

Riprendo direttamente dal sito della casa editrice:

“È possibile una traduzione del teatro di Shakespeare che tenga conto dei valori fonici – ritmo, durata, rima, assonanza, allitterazione – del testo originario? Una traduzione che sia propriamente tale e non una blanda parafrasi. È necessaria oggi, per chi traduce Shakespeare, la conoscenza delle ultime acquisizioni dei performance studies? Ossia lo studio delle pratiche esecutive del tempo, che restituisce ai testi shakespeariani il valore di testi tutti vocali, nati, non per la lettura a tavolino, ma per l’azione viva sulla scena, per essere emessi da voce e corpo dell’attore e percepiti dall’orecchio dello spettatore. Da queste domande nasce Shakespeare come vi piace. Un saggio che incornicia e accompagna le traduzioni di tre testi esemplari per la diversità di maniera: Love’s Labour’s Lost, qui tradotto come Doglie d’amor sprecate, una commedia sofisticata, con la rapidità ritmica e il distacco ironico della screwball comedy americana; Amleto, il più iconico, almeno nel suo fraintendimento romantico, dei drammi shakespeariani; e Troilo e Cressida, commedia nera o tragedia parodica che sia, un’ardita decostruzione sarcastica dell’eroismo e della politica. Il saggio, che compone assieme narrazione, dati e fatti, notazioni e riflessioni personali, ha una sua tesi centrale: se i testi sono nati dalla pratica teatrale, anche le traduzioni dovranno esserlo, dovranno nascere per una specifica messinscena, dal lavoro quotidiano con regista, dramaturg – meglio ancora se dramaturg e traduttore sono la medesima persona – e attori. Nati dal teatro, invoca Luca Fontana, i testi possano al teatro ritornare, rigenerandosi nella pratica viva. Ultimo ed espresso scopo di Shakespeare come vi piace: essere l’incipit della traduzione di Luca Fontana delle maggiori opere teatrali di William Shakespeare, che appariranno via via presso il Saggiatore”


Lascia un commento so far
Lascia un commento



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger cliccano Mi Piace per questo: