a piè di pagina


Gulliver
giugno 30, 2008, 10:49 am
Filed under: babele

Si vuole iniziare non da un commento, ma con un portafortuna. La più ambiziosa, folle e irrealizzata rivista letteraria in europa può essere solo di buon auspicio per a piè di pagina. Un augurio di buona riuscita perchè insegna che non bisogna temere il naufragio. Non è certo recente il numero dedicato da Riga (marcosymarcos) alla fatica di Vittorini e Blanchot, ma le riflessioni sul ruolo della lingua e della scrittura di Barthes, il diario pubblico della Bachmann, lo sperimentalismo di Waser, suonano profetiche. Profezie errate talvolta, ma molto affascinanti; guardando tutto dal nosto punto d’osservazione, indimenticabili sono le parole sul ruolo della traduzione.


Lascia un commento so far
Lascia un commento



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger cliccano Mi Piace per questo: